Trans d’Egitto non perdona

tueTrans Upper Egypt – s/t (Monofonus Press, 2014)

Col solito colpevole e incurabile ritardo (prometto: se continua così entro maggio chiudo) riesco a recensire questo lavoro dei Trans Upper Egypt, che si cimentano in otto brani di psych, drug rock, space rock,wave e lo-fi. Un mix speciale e gestito in maniera personalissima (come del resto già ci hanno dimostrato nelle uscite precedenti), che li ha portati all’attenzione di un certo mainstream hip internazionale di stampo neo-psych… e il bello è che loro, alla faccia del business e di queste cazzate, sembrano fregarsene riccamente (altro…)

Annunci

Lepers and DestroYo had a baby, they called it Centauri

centauriCentauri – s/t (Lepers/DestroYo, 2014)

[di Maicol Brambilla]

Una sera mio cugino è andato là, alla ciclofficina, per aggiustare il freno dietro della bici. Non è più tornato a casa, però ha mandato un paio di sms e ha detto che è su Marte a leccare la schiena dei rospi pieni di radiazioni e a toccare il culo a certe aliene con quattro chiappe. Dice anche che è tutta colpa di questi tizi che suonano e si fanno chiamare Centauri (altro…)

L’indie rock mi fa vomitare

Chaos Conspiracy – Indie Rock Makes Me Sick (Andromeda/Alkemist Fanatix)

Che trip. E in accezione positiva, sia ben chiaro. Questi italianissimi Chaos Conspiracy (alla loro seconda prova sulla lunga distanza) suonano un polpettone straniante di generi – dal post hardcore al metal, dal noise alla psichedelia, dal nu metal al crossover, dal jazz allo space rock – e scelgono di non avere voce (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: