Jes Franco e la droga? Yes

jesdrogas.jpgJesus Franco & The Drogas – get free or die tryin’ (Valvolare/Bloody Sound Fucktory/Escape From Today/Que Suerte!/Deambula, 2008)

Il blues-punk mefitico e malato, nonostante la situazione clinica disastrosa, non morirà mai. Perché si nutre della propria stessa malattia e delle proprie patologie. E allora godiamo come chupacabras sieropositivi, tossici, asmatici, rognosi e priapici, ascoltando questo dischetto firmato da Jesus Franco & The Drogas.

Se Gun Club, Chrome Cranks, Captain Beefheart e compagnia mortifera vi fanno venire il brivido (e devono farvelo venire, sia ben chiaro); se il rock sanguigno e sanguinante vi arrapa; se avete un cuore punk e nero… avete trovato un’altra band da aggiungere alla vostra collezione. I miasmi musicali di Jesus e dei suoi Drogas sono dei migliori, di quelli che brasano cellule olfattive, sciolgono palati e uccidono neuroni senza troppi complimenti: a nulla vale qualche leggera citazione d’ispirazione Sonic Youth e Fugazi… qui c’è il demonio e – per fortuna – non c’è tempo per fare troppo gli artisti noise.

Bastardi e malati come è giusto che il rock sia. Da bersi tutto d’un fiato. Più volte, fino al raggiungimento dell’oblio.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: