The Wild Brunch #23

Vi è mancato il brunch selvaggio? Eh immagino… ma in fondo è un piccolo male necessario, come i compiti a scuola, come la coda alle Poste. E poi finisce che magari vi fate anche una ghignata leggendolo.
Come dovreste ormai sapere dopo 23 puntate, questa è la rubrica in cui si parla cumulativamente del materiale che arriva a Black Milk, riservando le recensioni singole a casi particolari (ovviamente a insindacabile giudizio del Comitato Centrale). Ovviamente il criterio è l’aderenza al taglio principale della webzine e la rilevanza dei dischi.
C’è un sistema di valutazione dei dischi, per cui si va da 0 (che significa: “bravi, ma basta, chi ve l’ha fatto fare”) a 3 (ossia “bel disco,bel gruppo, in bocca al lupo”).
Non dimenticate di leggere con un po’ di attenzione la sezione INVIO MATERIALE E CONTATTI, prima di mandare qualcosa; e se non si parla benissimo del vostro disco, sappiate che fa parte del gioco.

A Crime CalledBeyond These Days (Dysfunction, 2012)
Grunge, rock alternativo, nu metal, alt metal, indie rock… loro non vogliono definirsi e scrivono che “il sound che ne esce è dirompente, magnetico, tagliente. E’ qualcosa di speciale”. Uh… ok… come dire: sono bravi, hanno fatto un buon lavoro in studio e in fase di produzione, però da qui all’aver fatto un disco speciale, mi si perdoni la franchezza, c’è una certa differenza. Un filo di umiltà e realismo in più non guasterebbero. Poi *probabilmente* potrebbero anche diventare una della nuove band protagoniste della scena del rock moderno e metal alternativo italico, ma al momento li si rimanda – proprio come si faceva tempo fa, alle superiori.
[Voto: 1 – Consigliato a: indie rockettari di quartiere, amici e parenti, MTV-stars wannabe]

The BidonsGranma Killer (autoproduzione, 2012)
Distribuiti da Area Pirata, i campani The Bidons purtroppo si presentano con un nome piuttosto loffio, da gruppo di rock demenziale delle superiori. Ed è un peccato perché la band è valida, pur restando entro confini netti, ferrei e invalicabili: quelli del garage rock’n’roll punkizzato, che mescola con graziosa sfacciataggine il Sixties (non a caso inseriscono due cover di Avengers e Strangeloves, entrambe di metà anni Sessanta), il rockabilly e il punk delle origini. Niente di nuovo sotto al sole, ma va bene così: i The Bidons sono ottimi alfieri del genere, con palle quadrate e tutto quanto. Solo, se trovassero una chiave leggermente meno scolastica, sarebbero veramente grandi. Così rischiano di essere uno dei molti buoni gruppi del calderone garage italico… e sarebbe un peccato, oggettivamente.
[Voto: 2,5 – Consigliato a: garagisti con animo punk’n’roll, completisti dell’eterno revival]

Paolo TosoBallate per inguaribili ottimisti (Neogrigio, 2012)
Torna il menestrello piemontese Paolo Toso, con il seguito del debutto Poche parole di conforto; se nel 2010 la chiave di lettura della dimensione tosiana era la locuzione (solo apparentemente scontata) “punk folk”, in questi nuovi 12 brani emerge un gusto più american roots, vagamente springsteeniano (in declinazione acustica, mica le tamarrate da stadio alla “Born in the USA”); tutto questo comunque sempre ben tallonato dalla tipica sensibilità folk da entroterra ligure/piemontese a cui Paolo ci ha ormai abituato. Se avete presente l’allegra malinconia che si raggiunge con una bottiglia di rosso veramente buono, in una serata fredda davanti a un camino e con la nebbia che avvolge tutto di fuori, beh allora capirete questo disco.
[Voto: 3 – Consigliato a: partigiani della Barbera, americani piemontesi, folk rocker e orsi appenninici]

Il più matto dei prìncipi punk-folk

tosoIntervista a Paolo Toso con preview di L’uomo a una dimensione ep.
Ovvero: se De André avesse ascoltato rock negli anni Ottanta il mondo non sarebbe necessariamente peggiore

Ha un’anima rock, Paolo Toso. Anzi punk.
Certo, bisogna prestare attenzione ad alcuni dettagli precisi – macroscopici, ma al contempo sfuggenti – per afferrare questo concetto; ma è davvero così. Senza strafare, senza esagerare… non ci trovate il Rock esuberante e taurino, nei suoi brani. Niente assoli sincopati, niente ritmiche chugga-chugga, batterie rocciose o rasoiate ai timpani. Una voce e una chitarra, arrangiamenti minimali, suoni molto americani (oserei dire tra lo Springsteen intimista e il Cash su DGC).
Peccato, quindi? Ma per piacere, non scherziamo.

Qui si esplorano i sentieri un po’ più imboscati dell’entroterra umano. Per citare – approssimativamente – Ray Manzarek a proposito della sua breve esperienza con Iggy Pop nei primi Settanta e dei motivi del suo abbandono, siamo di fronte alla necessità di riflettere: “Un uomo prima o poi, crescendo, maturando, trova anche lo spazio per una dimensione musicale più intimista”. Ma non dimentica le sue radici, altrimenti che uomo sarebbe. E’ per questo che diciamo che Paolo Toso è punk-folk. E i suoi dieci dischi da isola deserta sono eloquenti:

– Beggar’s Banquet – Rolling Stones (“‘Sympathy for the Devil’ per me resta uno dei momenti più entusiasmanti della storia del rock e ancora oggi ogni volta che la ascolto mi viene la pelle d’oca“)
– Deja Vu – CSNY
– Led Zeppelin III
– Transformer – Lou Reed
– Tommy – The Who
– The Queen is Dead – The Smiths
– The Good Son – Nick Cave
– Anni luce – Diaframma (“‘L’ odore delle rose’ è il testo che più di ogni altro avrei voluto scrivere io” dice Paolo)
– In quiete – CSI
– Let it Bleed – Rolling Stones

Vi sfido a trovarci un cantautore di quelli infestanti, quelli che – almeno per la gente come me – hanno dato una connotazione molesta al vocabolo. Tanto che il termine “cantautorato” lo trovo fuorviante in questo caso. Forse perché mi evoca barbe alla Guccini, semirantoli alla Bertoli e cupoloni nazionalpopolari stile Venditti sul Grande Raccordo Anulare a cavallo del suo pianoforte a coda.
E proprio Paolo dice: “In effetti Guccini e Bertoli non sono nelle mie corde… su Venditti no comment. La definizione punk-folk mi piace molto, se poi consideriamo che non so nè cantare nè suonare, allora si, sono molto punk!!!! Scherzi a parte (ma neanche troppo) mi sono sempre approcciato alla musica in modo molto essenziale e diretto, sia come ascoltatore che come esecutore. Non amo i fronzoli e mi piacciono le cose immediate, le intro e i solo fini a se stessi sono secondo me orpelli inutili. Non mi importa di ascoltare 1000 note in un minuto se poi non si ha niente da dire. Secondo me mettere un solo di chitarra al posto giusto e al momento giusto senza rompere le palle è una delle cose più difficili da fare in una canzone. Molto spesso non aggiunge nulla e anzi toglie e appesantisce. Ovviamente non parlo dei jazzisti che loro fanno parlare direttamente gli strumenti e ovviamente sono idee del tutto soggettive. Risparmio il pippone di quelli che non vogliono essere etichettati ecc. ecc. e quindi, anche se è poco punk dirlo, ribadisco che punk-folk mi piace e mi piace che qualcuno pensi che la mia musica lo sia“.

Punk-folk. Fatto di pezzi caldi, concisi, quieti. Ma a modo loro nervosi e urticanti. Pezzi che nascono – in parte – dal riarrangiamento di materiale pre-esistente, canzoni dei Neogrigio (la band in cui Paolo ha militato nei Novanta). “Si tratta di una riscrittura quasi completa, perchè alla fine dei vecchi pezzi ho tenuto solo i testi mentre la musica è stata completamente rivista” racconta Paolo “e confesso che l’idea di fare un lavoro così non mi sfiorava neppure. Negli ultimi 10 anni le uniche occasioni in cui ho preso in mano una chitarra sono state per strimpellare qualcosa di altri comodamente seduto in camera mia. L’idea è stata di Gabriele Lunati che, non so come, pensava che i brani di neogrigio potessero rendere bene in versione acustica e minimale“.

Ascoltate il singolo in free download su Myspace, per un assaggio rapidissimo: “Il principe dei matti”. Ma è sentendo la preview in anteprima totale dell’ep L’uomo a una dimensione (disponibile in versione digitale da fine agosto) che le idee, da queste parti, si sono fatte ancora più chiare.

Non c’è molto da dire. Solo che se De André avesse una quarantina d’anni e fosse cresciuto negli anni Ottanta nel basso Piemonte, comprando dischi rock da Otello, probabilmente non suonerebbe molto diversamente da Toso. E farebbe musica così: onesta, profonda, che non vuol essere ciò che non è e riflette ciò che le sta intorno. Perché “L’ambiente di vita influisce su qualsiasi cosa, figuriamoci se non influisce sulla musica. Molti miei pezzi sono ambientati in luoghi che frequento abitualmente, per esempio il colle di S. Martino al tramonto di ‘Di certo era domenica’. D’altra parte se sei nato ad Alessandria e vivi nelle campagne del Basso Piemonte, per quanto tu possa sforzarti, non suonerai mai come un newyorchese quindi tanto vale…“.

Punk-folk.

Il singolo di Paolo Toso “Il principe dei matti” è disponibile in free download su Rockoff e su Jamendo.
Nel Paolo Toso official Myspace trovate due brani in streaming: “Il principe dei matti” e “Il buio”.
L’ep L’uomo a una dimensione (con 5 tracce) uscirà a fine agosto in versione digitale per il download.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: