Santa Muerte, pensaci tu

santa muerteSanta Muerte – Age Of Sorrow (Miacameretta, 2014)

Un singoletto gustoso, quello dei Santa Muerte. Che non sono i Santa Muerte dell’area milanese (nostra vecchia conoscenza), ma una band di Mola di Bari. I riferimenti pescano a piene mani tanto nell’acido pre-punk di band stile 13th Floor Elevators, quanto nelle suggestioni voodoo punk di Gun Club e progenie, ma anche nelle sfuriate di puro Italian gothic dei primi Not Moving. E un tocco di psichedelia più sul paisley (altro…)

Annunci

La spada nella doccia: parla tab_ularasa

tab_guitar01

[intervista originariamente pubblicata su Mimetics Fanzine]

Quando è perché nasce il tuo progetto?
In realtà già dai tempi in cui vivevo a Siena e suonavo negli Ultra Twist e nei Dements avevo delle canzoncine e filastrocche deliranti in italiano…si parla tipo del 2009. La prima fu “il Tromba ti Tromba” registrata dai Lurches, credo veramente il peggior gruppo della storia.
Poi man mano con gli anni, dopo che mi sono trasferito a Roma, ne sono venute a galla altre come “AEIOU” e “Basta Pasta” registrate nella notte dell’ultimo dell’anno del 2010 con il duo “the Last Day of the Year Before the End(altro…)

Hipster is cul

coverHank Wood and the Hammerheads – Stay Home (La Vida Es Un Mus – 2014)

[di Tab_Ularasa]

Un gruppo punk old school che viene da New York! Oplà… questa è una notiziona! Si chiamano Hank Wood and the Hammerheads. Dopo tutta quest’orda di roba neo psichedelica con tocco lo-fi proveniente dal quartiere generale hipster per eccellenza situato a Williamsburg, sembra che l’intenzione della gente “creativa” che vive in quel posto adesso sia quella di andare a rovistare nel torbido – dopo che gli altri generi sono stati abbondantemente plagiati e saturati. (altro…)

Banana killer

trioTrio Banana – Kill a Child (2014, Bubca)

Avvertenza: state per leggere l’ennesima recensione griffata Bubca. Ed è l’ennesima recensione bella su Black Milk, dedicata al Trio Banana. Sarà un gomblottoh? Se lo pensate, vi stimo tantissimo, siete dei geni del male. Quindi potete passare oltre. Detto questo… (altro…)

Dalle stalle alle stelle

tabTab_Ularasa – Voglio dormire sotto le stelle (Destroyo Records/Dr. Pazuzu Records)

Cantautorato italiano intossicato da dosi da cavallo di eroina, acido e psicofarmaci assunti in maniera rigorosamente casuale. Il passaggio di Tab_Ularasa all’italiano è ormai cosa fatta: un procedimento evolutivo/involutivo naturale, senza forzature (altro…)

Il maranza(no) del blues

maranzReverendo Maranzano – A 4am Madness Tribute To My Imaginary Friends (Dr. Pazuzu Records, 2014)

[di Tab-Ularasa]

Ecco qua la seconda uscita della Dr.Pazuzu Records, in formato cd-r o download gratuito!
Il disco in questione è cantato-suonato-registrato da un personaggio fondamentale e seminale del r’n’r milanese, ovvero il Reverendo Maranzano aka Bert. Maximum R’n’R tra una cinquantina d’anni manderà i suoi scagnozzi nella città della nebbia per cercare di ricostruire la sue gesta, la sua discografia (altro…)

Corri menestrello, che in mano ho un randello…

body bagBody Bag Redemption aka Barmageddon – One Album In One Week And Other Assorted Fuckology Facts (Dr. Pazuzu records, 2014)

[di Tab_Ularasa]

Pazuzu c’è! E’ nata la Dr.Pazuzu Records! Non si sa bene chi ci sia dietro e in quale mondo e dimensione si trovi, quello che però è sicuro è che Pazuzu ha iniziato tramite questa etichetta a diffondere interferenze sonore che distruggeranno i vostri neuroni per risvegliare i germi della vita che nasce dalla morte sopita (altro…)

Primitivo con classe: intervista ad Alessio (Primitive Records)

primitive02

[di Tab_Ularasa]

Ciao Alessio, raccontaci un po’ di te?
Ho 38 anni, vivo a Tortoreto (Teramo) insieme a mia moglie Delia e al mio cane Argo.

Che fai nella vita?
Da 20 anni lavoro in una fabbrica chimica. Fortuna che ho la passione per la musica altrimenti mi sarei già impiccato (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: