Spaghetti (western) all you can eat

Drifting MinesDrifting Mines – s/t (autoprodotto, 2012)

Country, garage, rock’n’roll, rockabilly, punk: i signori sono serviti. E il menù è all you can eat, grazie ai romani Drifting Mines, che arrivano da una decina d’anni di oscurità più o meno totale, fatta di gavetta e demo, giungendo al traguardo del primo cd autoprodotto (ma distribuito da Area Pirata).

In questi 10 brani (compresa una cover di “Chicken Walk” di Hasil Adkins) le influenze sono palesi e cristalline, ma da leccarsi i baffi: Cramps, Johnny Cash, Knitters, X nei loro momenti più country punk, Gun Club, Blasters, Bo Diddley, Elvis (altro…)

Annunci

La X (forse) brilla ancora

xene.jpgJohn Doe, storico bassista/cantante degli X, in una lunga e interessante intervista rilasciata a Citypaper, ha fatto intendere che il gruppo – ancora attivo sul fronte live – sta lavorando a nuovo materiale. Si tratterebbe dei primi brani nuovi degli X dal 1993, anno di uscita di Hey Zeus.

Certo, gli anni sono passati (che fine ha fatto la sexy punk girl Exene di cui tutti eravamo innamorati?) e un altro Los Angeles o Under a Big Black Sun non ce lo sforneranno più… ma diciamo che lo sforzo è apprezzabilissimo, sperando che il tutto non finisca per suonare come una parodia involontaria. Doe, dal canto suo, si dimostra molto cosciente di questo rischio e si pone la domanda: “Sarò in grado di scrivere ancora per gli X senza sembrare uno che tenta di somigliare a quando era giovane?”. Noi attendiamo…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: