La musica pesante di David Yow

1_scultura vinile David YowDavid Yow – Tonight You Look Like A Spider (Joyful Noise Records, 2014)

[di Manuel Graziani]

Penso che David Yow non abbia bisogno di presentazioni. Scratch Acid e ancor più Jesus Lizard sono parte del dna di quella musica bastarda partorita dal punk che tanto ci piace da queste parti. Ai giovani ignari, ma curiosi consiglio di surfare sul web, googlare, far quel cazzo che vi pare ma comunque recuperare (altro…)

Tutankhamon on acid

Trans Upper Egypt – Videos by tab-ularasa (dvd, Destroyo, 2012)

“E basta che due coglioni ci hai fatto coi Trans Upper Egypt!”; lo so che lo pensate. E avete ragione. Però il dato oggettivo è indiscutibile per cui di fronte alla realtà bisogna tacere e mettere in tasca le lamentele infantili, perché: 1) i TUE sono una delle band più interessanti del momento 2) se sfornano materiale con ritmo serrato è solo un bene.

Detto questo, parliamo del dvd. Che è una classica operazione stile Bubca (nell’incarnazione Destroyo, la label parallela dedicata ai suoni weird), ossia dvd-r con scritte a pennarello sopra e copertina diy.
Cosa c’è dentro? Molto semplice… in pratica monsieur tab-ularasa (che è anche membro della band, oltre che della Bubca) propone i brani del 7″ e del 12″ dei TUE abbinandoli a videoclip ultraminimali che ha prodotto lui. La formula è semplicissima: sulla musica scorrono immagini prese da pellicole ultravintage anni Trenta, frame di vecchi filmacci erotici o semplicemente forme caleidoscopiche/psichedeliche. Nella sua bassissima fedeltà totale l’effetto è spettacolare. Come di consueto il dottore consiglia l’assunzione in concomitanza con alcool, sostanze o entrambi per accentuare l’esperienza.

E chi l’ha detto che in Egitto ci sono solo le mummie?

What happens on tape, stays on tape

Dalle complesse lande romane giunge un nuovo attacco alla calma piatta dell’underground dello Stivale. A sferrarlo è un’entità che si fa chiamare Myownprivaterecords e si concretizza in una tape label che – appunto come la definizione comporta – pubblica solo cassette (a testimonianza di una certa recrudescenza del fenomeno nastri, quando ormai erano dati per spacciati).

L’etichetta mi ha fatto pervenire le sue quattro uscite (che peraltro trovate su Bandcamp: cliccate sui nomi dei gruppi e ascoltate il tutto senza remore), in un pacchetto che conteneva quattro algidi nastri dalla grafica similare, pulita e minimale… l’estetica richiama la filosofia del less is more, senza fronzoli, lazzi e frizzi. Si bada al sodo e alla sostanza.
Musicalmente, a parte Bobsleigh Baby e Wow, l’ambito è legato al synth punk primordiale, artistoide e newyorkese in tutte le sue sfumature: materiale tosto da maneggiare e soprattutto capace di suscitare sensazioni davvero forti.

Ecco, più in dettaglio, di cosa stiamo parlando…

Bobsleigh Baby/Wow – split
Garage, beat, folk, pop, punk sgangherato e mai rassicurante per gli ottimi Bobsleigh Baby, che riescono a suonare ansiogeni anche quando si avventurano nei riff apparentemente più allegri e festaioli del creato (vedi il primo dei due brani, mentre il secondo è più post punk schizoide). Follia psichedelica, infantile ed autistica per i Wow che sono devoti alla disciplina del carotaggio di cervelli: melodie instabili, voci ripiene di eco e riverbero, accordi dissonanti, loop figli della trance psicotropa nel primo brano. Mentre nel secondo si presentano in veste synth-dance punk deviato. Maneggiare con estrema cura.

NicE – Daigoroo
Lo-fi, elettronica pionieristica, una spruzzata di synth punk… non è semplice la proposta di questi NicE (o è un/una solista? Mistero). Drum machine molesta, voce femminile recitante ed effettata, suoni da tastiera Bontempi degli anni Settanta per atmosfere mai rassicuranti, la cui paletta espressiva si estende dalla paranoia conclamata al disagio onirico. Questa è roba che fa l’effetto di una nottata agitata… e non per i peperoni indigesti. I Suicide ne sarebbero fieri.

Pan Faelk
Ancora elettronica/synth punk ultra lo-fi, ma più groovy e danzereccia, con un vago feeling funk nel primo brano e house nel secondo. Immaginate una colonna sonora per un thriller anni Settanta, ma senza storia e ambientato in un vicolo di Trastevere. Suggestivo e cinematografico.

Hiss – You Bear It
Mi si perdoni la pochezza e la banalità del riferimento, ma direi che i Suicide con la chitarra elettrica buttata nel mix sono forse l’immagine che più si avvicina al sound di questa band. Punk elettronico in bassissima fedeltà, scuro, claustrofobico, con ritmi robotici, inserti di rumore ambientale da sala giochi anni Ottanta, sbandate jungle e livore generalizzato. Cinque brani che non vi regaleranno di sicuro il buon umore… ma chi ne ha bisogno, del buon umore, coi tempi che corrono?

Metal Machine Music per ogm

Abiotics – promo (autoprodotto, 2011)

Ho la musica degli Abiotics in testa – nonché nell’hard disk del pc e sul cd che mi hanno inviato – da un po’ di tempo. E’ lì che ronza e, almeno una volta al giorno, il soundsystem del mio cervello di merda diffonde in loop il ritornello di “Dear Knife”: lo spara impietoso per decine di minuti di fila, fino all’alienazione. Ed è meglio di uno Xanax in certi frangenti.

Gli Abiotics sono un’anomalia. Come un esperimento di ogm andato in vacca, tipo quelle robe da film di serie Y, con gli scienziatini che vogliono fabbricare le pannocchie giganti e si trovano in mano il virus della peste siderale pangalattica. E non a caso cito gli ogm, visto che parte dell’anomalia di questa band è la sua provenienza: questi folli sono del piacentino, una terra che mi è simpaticissima e mi evoca immediatamente grandi bevute di vino rosso, pisarei e fasò (scusate se non ho scritto giusto, sono un mandrogno piemontese io), campi, bettole, il Po… e invece questi quattro delinquenti si inventano una band che sembra la reincarnazione dei Suicide più iconici, gelidi e malati.
Come un simile electro synth punk – che puzza di vicoli, traffico, fabbriche dismesse e grattacieli – possa essere nato da persone con un background ambientale così radicalmente opposto è un piacevole mistero.

Voce, synth, basso, chitarra: questa è la formazione. E la missione degli Abiotics è inscenare psicodrammi glaciali per synth e drum machine. Suicide, si diceva, ma senza dimenticare la lezione degli Screamers, col loro punk sintetico californiano, figlio della Los Angeles dei sogni infranti.

Geniali. E se non ci arrivate è veramente un problema.

http://cache.reverbnation.com/widgets/swf/40/pro_widget.swf?id=artist_1930603&posted_by=&skin_id=PWAS1002&border_color=000000&auto_play=false&shuffle=false
ComScore

Lascia stare il piccolo Urban

Urban Junior – Two Headed Demon (Voodoo Rhythm, 2010)

Dischi del genere sono una manna per noi recensori piccolo-borghesi della domenica, tutti presi ad appioppare l’etichetta creativa a questo o a quel gruppo per sentirci meno insignificanti e fare il verso pateticamente a Lester Bangs (altro…)

Mongoloid!

I grandissimi Devo nel ’78, alla tv francese, con “Mongoloid

Tutti siamo fighi!: Johnny Grieco dixit

griecoAbbiamo recensito il suo ep solista I’m Cool qualche tempo fa, ora l’abbiamo intervistato.
Signori e signore, nello splendore del Black-Milk-o-Rama, Mr Johnny Grieco (from Genova City) ci parla dei Dirty Actions, della sua visione musicale, della sua via da solista e di altro ancora…

Ascoltando I’m Cool c’è l’impressione che covassi questi brani da tempo, una specie di incubazione di una rara malattia esotica pervade l’intero ep. Quando l’hai contratta?
Hai visto giusto. Per essere precisi il virus l’ho contratto negli ultimi mesi del 1980. Ero in studio con i Dirty Actions per registrare il brano “Aktion/Aktion” dedicato al performer austriaco Rudolf Schwarzkogler. Quel pezzo rappresentava un diverso modo di intendere la stesura di una song e lo svolgimento del testo rispetto ai nostri standard. Di base restavano i tre/quattro accordi punk ma non sparati alla velocità della luce, piuttosto un semplice riff con la chitarra non eccessivamente distorta ma piuttosto “disturbata elettronicamente” a cui si appoggiava una linea di basso slap-quasi funk, il tutto spalmato su una traccia scarnificata di batteria elettronica fredda e asettica. Il synth sottolineava alcuni momenti. Il testo era recitato, indolente, il tono di voce era assente senza emozioni. Non avevamo inventato nulla, andate a sentirvi My Sex degli Ultravox del 1977 come verifica e poi non dimentichiamo che in Italia c’erano: Faust’O, Garbo, il primo Ivan Cattaneo-futurista che in parte si ispiravano al periodo berlinese di Bowie e anche il primissimo Battiato elettronico e ostico del dopo zeppe trampolate alla Ziggy. Nella collana Rock 80 della Cramps poi eravamo in compagnia dei sintetici X-rated e a Genova ero salito sul palco a improvvisare vocalizzi con i K.K.K. elettronici e sperimentali (dei quali purtroppo ben poco o nulla è rimasto e anche i due membri fondatori purtroppo sono scomparsi). Ma in quel momento, per la nuova fiammante scena punk italiana, era una scelta controcorrente. Eravamo punk e osavamo fare della musica non propriamente punk. Ghetto nel ghetto. Non proprio dei pionieri ma sicuramente dei provocatori.
In realtà l’elettronica era ed è una delle mie vecchie passioni. Ne ho sempre subito il fascino. Come per certa musica classica contemporanea e d’avanguardia. I riferimenti storici e colti qui si precano, fino a diventare un lungo e noioso rosario di nomi: dai precursori Kraftwerk all’oscura psichedelia dei Pink Floyd con Barrett, ai vari esponenti del Krautrock, termine orrendo, come Can, Neu!, Popol Vuh fino ad arrivare alle origini con Stockhausen e gli italiani Berio, Nono poi ancora Ligeti e Cage.

Quanto senti lontano I’m Cool dal resto della produzione dei tuoi Dirty Actions (leggendaria punk band ligure) in senso sonoro e più strettamente di approccio?
Per quanto le distante con i vecchi-nuovi Dirty Actions paiono siderali, in realtà preferisco considerare I’m Cool come una naturale prosecuzione di quanto iniziato con i Dirties.
I Dirty Actions sono stati una delle prime punk band italiane che in pochissimo tempo ha avuto un percorso artistico davvero particolare. Pur restando fedelissimi al punk degli esordi abbiamo esplorato diversi generi che in quegli anni nascevano o erano riscoperti, principalmente in Inghilterra. Il primo innamoramento fu per il funk poi i primi vagiti del rap, naturalmente l’elettronica fino a farci coinvolgere dai ritmi latini e tribali. Il pubblico genovese di quegli anni era molto esigente e difficile, attento ai nuovi fenomeni musicali, non potevi riproporti sul palco con gli stessi pezzi del concerto precedente e questo ti costringeva a una continua ricerca. La nostra hit “Bandana Boys” nasceva da un giro di flamenco “innestato” su una base di tamburi di guerra degli indiani americani. Così è nata e ogni volta che la proponevamo dal vivo diventava sempre più lunga e selvaggia. Su Gathered, la compilation di Rockerilla, verrà pubblicata la sacrilega dance version remix con un breve rap nell’inciso e la batteria rigorosamente in 4/4.
Per quanto riguarda il mio percorso personale nel 1986 affronterò  il reggae con “In Soh Reckshan”, il pezzo registrato in Jamaica con i Wailers di Bob Marley, che verrà pubblicato su vinile l’anno dopo e l’inedito “Consciousness” realizzato con gli Aswad.
Insomma la contaminazione del punk con altri generi è sempre stata una costante dei vecchi Dirty Actions e naturalmente anche la mia.

Consideri il tuo lavoro una boccata d’ossigeno o l’inizio di un percorso artistico percorribile e tutto da sperimentare?
Entrambe le cose. Senz’altro può essere inteso come la prosecuzione di un percorso artistico il più libero possibile da condizionamenti derivanti dalle mode del momento o dal mercato e si può considerare anche una boccata di ossigeno perchè avevo la necessità di misurarmi come autore completo: musica, testo, composizione, scelta dei suoni, missaggio, produzione. Sperimentare mi ha sempre affascinato, mi piace lasciare il certo per l’incerto, la via nuova per la vecchia, in poche parole rischiare. Non è un merito, ne’ un atto di coraggio. E’ una necessità per me, impellente.
In realtà vorrei fare cose ancora più estreme, ostiche, inascoltabili ma ogni tanto entro in conflitto con la mia latente vena melodica. Da qualche parte nel mio organismo c’è una tendenza all’armonia che tende ad ammorbidire e smussare le dissonanze, che stempera e attenua il mio nichilismo. Una sorta di istinto di sopravvivenza, anche se non è poi il termine esatto, che mitiga le tendenze autodistruttive.

Come consideri e in che stato vedi i tuoi contemporanei pionieri della scena punk e new wave italica al momento attuale
Miss Xox del Great Complotto di Pordenone è uscito con un gran bell’album, molto particolare. Anche i Punkow hanno fatto un ottimo lavoro, da sottolineare il ritorno dei Neon e dei Mercenary God e poi il mai domo Tony Face con Lilith, anche in questo caso il cd è davvero originale e intenso. E poi gli Skiantos, inossidabili. Come sono davvero interessanti le proposte di Freak Antoni e Alessandra Mostacci. Diciamo che i miei contemporanei tengono il passo senza affanni, il che dimostra una buona apertura mentale tipica di chi ha vissuto quegli anni. L’imprinting degli anni Ottanta si fa sentire anche a distanza di trent’anni. Non sembrano, non sembriamo, dei sopravvissuti, insomma.
Ma non mi stancherò mai di ripeterlo: c’è bisogno di cose nuove, di linfa nuova. Mi va bene che Iggy zompi su un palco a quasi sessantadue anni e godo al pensiero di suonare e divertirmi fino a ottanta e oltre, ma voglio ed esigo gente nuova e roba nuova che mi faccia saltare le cervella e non le solite riproposizioni di musiche già sentite e rimasticate mille volte.
Kids fatevi il culo, fatevi scoppiare, date l’anima, in senso metaforico sia chiaro! E’ vero, è difficilissimo riuscire a proporre cose nuove, ma bisogna sempre provarci.
E buttate al cesso questo emo-power-pop contemporaneo! E se proprio non potete farne a meno, cercate di stravolgerlo.

Non pensi che ultimamente ci sia una certa mitizzazione degli anni Ottanta in senso commerciale del termine, credi ci sia buona fede o è una subdola e bieca operazione di marketing?
Senza nulla togliere alle potenzialità espresse negli anni Ottanta che ho decantato prima, convengo con te che sia soprattutto una subdola e bieca operazione commerciale e di marketing. Riproporre i vecchi e sicuri successi del passato costa molto, molto di meno che investire su nuove proposte e fa guadagnare molto di più. Preferisco sempre guardare avanti.

Quali sono le band e i personaggi dell’epoca che ascolti con piacere anche oggi?
Per l’Italia quelli che ho citato sopra più i Gaz Nevada. Per il resto sono tanti, davvero: da Adam & the Ants ai Clash, ai Soft Cell poi Heaven17, Exploited, Killing Joke, Suicide, Sex Pistols, Damned, Dead Boys, Ultravox con John Foxx, Pop Group, Clock DVA, Germs, Dead Kennedys, Contortions, ABC, Bauhaus, PIL dimenticavo i Devo, Pere Ubu e cazzo… i Cramps! La morte di Lux Interior mi ha sconvolto come quella di Ron Asheton… potrei continuare a nominare altrettanti e ne avrò dimenticato sicuramente qualcuno.

Che reazioni immediate stai ricevendo dopo l’uscita di I’m Cool da chi ti segue da più tempo?
Sorpresa, meraviglia, per la maggior parte reazioni positive e lusinghiere, a volte fin troppo. Addirittura un carissimo amico, restìo ai complimenti, lo ha definito un grande tributo alle nostre radici musicali.

Reputi che le fanzine e tutto ciò che ruotava attorno al mondo punk e alternativo degli anni Settanta e Ottanta si sia perduto per sempre sostituito dai vari myspace e facebook oppure c’è ancora un lumicino acceso?
Sono uno di quelli che a dispetto del mio pessimismo cosmico vedo sempre un barlume flebile, flebile, lontanissimo ma ancora acceso. D’ altra parte per resistere alla virulenza delle varie ondate di restaurazione degli ultimi trent’anni se non avessi nutrito un minimo di speranza, mi sarei già fatto fuori trenta volte, una volta all’anno almeno. Prima di essere punk ho fatto parte di quella generazione che, forse un po’ ingenuamente, si sentiva parte di una grande e possibile rivoluzione. Questo sentire, questa indomabile energia verrà soffocata a partire dal 1977 da una feroce e inesorabile repressione. I bollettini di controinformazione e i fogli rivoluzionari lasceranno il posto alle fanzine e ad altre forme di comunicazione molto più articolate, per alcuni più dispersive e inconcludendi. Non so se Facebook o MySpace possano sostituire le fanzine o essere considerati possibili forme di comunicazione alternativa e trasversale. L’unica cosa positiva è che sono media accessibili a tutti e al momento la censura non è così pesante anche se è presente in varie forme. Dipende sempre dall’uso che se ne fa, come vengono utilizzati tali strumenti. Con Facebook il problema è il diluvio di informazioni, inviti, richieste, suggerimenti, aggiornamenti che ti fa perdere un sacco di tempo. E’ meglio l’informazione veloce in tempo reale tipica del web oppure la classica informazione ponderata tipica della carta stampata? Fast news or slow news? Who knows?
Senza contare la qualità e l’attendibilità delle informazioni, che è un’altra enorme incognita ed è sicuramente il problema più grosso.

Nel tuo disco solista non c’è alcuna nostalgia o rimpianto sugli anni passati, ciò è dovuto dal fatto che una certa rabbia prevale sul momento presente o non sei un nostalgico/romantico di natura?
Questo è un ottimo complimento. Diciamo che ho sempre cercato di evitare i rimpianti nella mia vita, tentando di fare, nei limiti del possibile e con sforzi sovrumani, quello che volevo fare. No, mai stato fortunato. Quello che ho ottenuto me lo sono guadagnato lavorando duramente e blablablabla… solita solfa. Per certo so che non è possibile estirpare alla radice la vena nostalgico/romantica presente in misura diversa in ognuno di noi. Diciamo che riesco a nasconderla bene. L’esperienza aiuta molto. La rabbia c’è, esiste ed è ben presente. Le motivazioni che l’alimentano crescono ogni giorno come funghi, dalla politica al sociale.

Quanto conta essere fighi (cool) ai nostri giorni? E chi reputi figo dal tuo punto di vista?
Tutti siamo fighi! Tutti possiamo essere dannatamente cool. Basta convincersene.
Il sentirsi cool del pezzo I’m Cool ha un significato molto ampio. Significa essere ok, tranquillo, calmo, senza problemi, sicuro di se’ e a proprio agio qualsiasi cosa succeda.

Ma in realtà chi canta I’m Cool vuole convincere se’ stesso di tutto ciò. Tendenzialmente è uno psicotico e non ha nulla sotto controllo, è una mina vagante, si sta trattenendo a fatica prima di esplodere! Ce la farà?

Hai in mente un tour promozionale? e come pensi di proporre i nuovi brani dal vivo?
Ci sto pensando. Ho già proposto i brani remixati di 21 Dirty RMXs con le basi e accompagnato da dj come Cesare Ferioli a.k.a. Big Mojo con cui mi sono esibito più volte e con cui ho già presentato il pezzo “I’m Cool” dal vivo a Bologna. Non c’è dubbio le serate con i djs sono molto divertenti e coinvolgenti. Mi ricordo una serata davvero selvaggia al csa Dordoni di Cremona con Kruz, EdBlast, Bedo, Mim$, Visual Sensation e Airbag Killex.
Certo la mia condizione ideale è quella di avere un gruppo dietro al culo che spinge come un dannato.
Ma riproporre i nuovi pezzi con una vera e propria band non è molto semplice. Riprodurre certi suoni e atmosfere richiede una strumentazione adeguata e dei musicisti ad hoc. L’impatto sarebbe molto diverso rispetto al solito Johnny con i Dirty Actions.
Al limite mi tireranno giù dal palco a bottigliate. Vedremo.

[Foto di Felson]

Coniglio in casseruola in sala giochi

rabbitcover.jpgEat the Rabbit – s/t (Marsiglia Records)

Quando avevo 9-10 anni il massimo della figaggine – raggiungibile rigorosamente solo nel periodo estivo, in vacanza low-cost a Limone Piemonte, a casa della prozia squinternata – era stare fuori casa fino alle 10-11 di sera, andando alla sala giochi in cima a una salita che puzzava sempre di piscio (chissà perché) e appiccicarsi come licaoni allo chassis di truciolato colorato di Pac Man, space Invaders o Galaga.

Si guardavano i bulletti pseudo sedicenni genovesi e torinesi che giocavano e – sì, all’epoca era possibile – si intortavano le squinziette mentre manovravano il Pac Man nel labirinto disseminato di pasticche. Noi bimbi preadolescenti di provincia li si guardava ammirati e si fantasticava alternativamente sulla sensazione bellissima di fare il record della serata a Galaga e di caricare sul Ciao rosa una delle squinziette di cui sopra (nota: i tipi più fighi si portavano il Ciao truccato in vacanza, scoppiandolo sulle salite di montagna… ma immagino il gioco valesse la candela perché la squinzia primi anni Ottanta – a posteriori – la immagino disposta a diversi compromessi erotico sessuali pur di farsi scarrozzare su un Ciao rosa col sellone bianco).

Ok, vi starete domandando dove sto andando a parare. Ecco: il fatto è che il disco degli Eat the Rabbit mi ha evocato una sensazione che descriverei così: sala giochi di Limone Piemonte nel 1981, ore 21:00 – improvvisamente un sibilo, un boato – un Cessna carico di chitarre elettriche guidato da tre ladri provetti di Fiat Ritmo 60 CL si schianta sulla sala giochi – dalle macerie fumanti si levano ancora gli ultimi lamenti dei videogame devastati, mentre i suddetti ladri di Fiat Ritmo, sotto l’effetto di anfetamina, si sollevano dai detriti e iniziano a suonare le chitarre tentando di ripercorrere la storia del garage rock.

Geniale.
No.
Sì.
Ok, aspetta… parliamone.

Premetto che non trovo riferimenti a cui paragonarli, ma è oggettivamente un problema legato alla mia ignoranza nei confronti di alcune tendenze meno tradizionali. Sento, a livello di pelle, una certa genuinità e approccio sanguigno… parzialmente bilanciato – in negativo – dall’impressione di wannabe fashionism e artistoidismo (esisterà in italiano?). Ma, alla fine dei conti, a prevalere è la curiosità, quindi il bilancio è positivo – almeno nel mio libro dei conti.

Il problema è che mentre potrei ascoltare i Black Flag, i Gun Club, gli Zeppelin, i Love, Peter Laughner o i Velvet Underground sempre e comunque, una situazione come quella proposta dagli Eat the Rabbit è per me da vivere/ascoltare con parsimonia. Questa roba, sentita nel momento sbagliato, potrebbe portare a conseguenze letali per la mia psiche. O per quella di chi mi deve sopportare.

Punk garage screamo si definiscono loro. E ci siamo anche. Però non trascurerei di menzionare gli inserti di elettronica a 8 bit tipo Commodore Vic 20 (che – ok lo ammetto – mi fanno cagare… problema mio).
Provateli se amate le cose un po’ weird. Se siete in mood conservatore talebano, meglio lasciar perdere. A meno che anche voi tra il 1970 e il 1982 non abbiate fatto le vacanze estive a Limone Piemonte…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: