Il capitano spacca

captain-crunchCapt Crunch And The Bunch – Izio/Lavoro (Area Pirata, 2014)

Questo 7″ era finito sotto a tre libri (la bio dei Misfits, quella di Roky Erickson e quella dei Radio Birdman) e non voleva sapere di uscirne. Chissà come era successo… vabbè, lo so benissimo: casa mia è un bordello ed è un secondo perdere una cosa. Insomma, finalmente lo ascolto e mi godo una piacevole manciata di minuti di musica.

La band è composta da una manciata di vecchie volpi della scena toscana (pisana e livornese) (altro…)

Arrivano i bìt

barbieri fenomeniI Barbieri / I Fenomeni – Battle Of The Bands split 7″ (Area Pirata, 2014)

Lo confesso: al primo ascolto, distratto, in un pomeriggio piovoso di una giornata fetente, questo split mi ha lasciato del tutto indifferente. Anche un po’ infastidito, al pensiero di “Che due coglioni, ancora ‘sta boiata degli anni Sessanta, coi pezzi fighi tradotti in italiano e riarrangiati per essere canzonette da Festivalbar”.

In realtà non è esattamente così (altro…)

Nuggets II alla cassoeula

sunspotsSunspots – Sound Of The Steps (Hermits/Area Pirata, 2014)

Parto con la solita banalità, ma la liquido in un attimo: l’Italia in campo di garage revival è, fin dalla prima ondata anni Ottanta, una delle punte di diamante del fenomeno. E, mediamente, ogni uscita tricolore di questo genere conferma la tesi, anche a 30 anni di distanza.
I Sunspots, lodigiani, sono appunto l’ennesimo esempio di quanto detto sopra. Sposano la causa etico/religiosa di Nuggets II, con un garage articolato, ombroso, dalle forti striature freakbeat – un po’ alla Wimple Winch, via, giusto per tirare un nome che mi è subito balzato in mente (altro…)

Uccelli d’Italia

killer penisKiller Penis – King Of Slaps (Revenge Events/Are Pirata, 2014)

Arrivano da Montecatini Terme, ma sognano Oslo, i Killer Penis. E lo dichiarano nella loro bio, quando spiegano che si sono formati nel 2011 con un intento preciso, ossia “creare una band in perfetto stile Turbojugend”. Ebbene, l’obiettivo è stato centrato, e questo loro secondo album ne è la prova (altro…)

Una dose plus per il signore al tavolo 47

sick rose blastinSick Rose – Blastin’ Out… Plus! (Area Pirata, 2013)

Quando si parla di Sick Rose il pericolo di cadere nella più becera e insipida banalità da webzine italiota è elevato al cubo. Perché sono “storici”, “seminali”, “fondamentali”, “imprescindibili” e tutte queste belle cose. Quindi come dire… ce la si cava con poco: basta dire che sono i più grandi.

Che poi è anche vero, in una certa misura (altro…)

Tutti in Campo

campo-logySteve & The Jerks + Anteenagers M.C. – CAMPO-LOGY (Fish+Lips Records)

La Francia è da sempre un luogo in cui il rock’n’roll è seguito, coccolato, adorato (chiedete a gente come Johnny Thunders, ad esempio, se avete occasione di fare una sedutina spiritica). Non ha sfornato moltissime band che hanno avuto rilevanza internazionale, ma lì la scena è comunque vivissima. Basta pensare che dalla Francia è arrivata gente come Real Kool Killers, Parabellum, Cherokees, Métal Urbain, Les Thugs, Noir Desir…

Questo cd antologico distribuito Area Pirata e licenziato da Fish+Lips raccoglie, dunque, i lavori di un eroe made in France: l’esimio Fred Campo (altro…)

Indietro tutta!

backwardsThe Backwards – Eerie thoughts collection pt. 3 (Area Pirata, 2013)

Genova, estremi confini degli anni Ottanta tendenti ai Novanta. Uno studente di medicina impallinato con lo psych pop dei Sixties si mette a scrivere pezzi e a inciderli insieme a una band con la denominazione The Backwards. I suoi numi – più o meno riconosciuti – sono senza alcun dubbio Syd Barrett, Robyn Hitchcock, gli Who e i Creation (per il filone mod anni Sessanta), i Byrds, la Chocolate Watchband… e allora giù a registrare (altro…)

Stella Maris, pensione completa

stella marisStella Maris Music Conspiracy – Operation Mindfuck! (autoproduzione – distr. Area Pirata, 2013)

Lo so, sono un deficiente, ma per quanto il nome di questa band (peraltro – lo dico subito – notevolissima) sia tratto da una trilogia libresca cult anni Settanta, a me Stella Maris fa venire in mente i nomi delle pensioncine sfigate delle località liguri (peraltro se non ricordo male, proprio in uno Stella Maris nacquero più o meno ufficialmente le Brigate Rosse nella notte dei tempi).
Detto ciò, giusto per rendermi subito ridicolo, il cd in questione è una bombetta deflagrante davvero speciale (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: