C’è figa a Nashville?

nashville p roma 2Nashville Pussy – live @ Traffic, Roma, 24/02/2014

[di Narconimpho Cat – foto di Andrea Curzi]

Faccio il mio debutto su Black Milk in grande stile, ovvero con il live report del concerto dei Nashville Pussy al Traffic di Roma.
L’ingresso della band sul palco avviene sulle epiche note del tema di Space Odissey in chiave funk a opera della Doctor Exx Band: le due MILF, la fulva chitarrista Ruyter con la bassista bruna, precedono di pochissimo mr Blaine, bello e gonfio come un figurante di Hazard cacciato dal set per ubriachezza molesta, e senza convenevoli attaccano subito con “Keep on Fucking”.

Un tentativo di stage diving è subito sventato da un roadie appostato dietro una pila di ampli, che con un balzo fulmineo impedisce al giovane fan di salire sul palco, e poco dopo, al terzo- quarto pezzo il pogo si è già smorzato, malgrado i quattro stronzi sul palco ce la stiano mettendo davvero tutta per farci scrociare come si deve, purtroppo le prime file sotto al palco sono state guadagnate da esseri mitologici con arti superiori terminanti in dispositivi di varia natura quali cellulari e macchine fotografiche di ogni dimensione (a proposito, funziona come per le dimensioni dell’auto a compensare ben altri deficit?) che filmano e fotografano imperterriti nemmeno stessero immortalando lo yeti per il National Geographic; la cosa diventa così irritante che la chitarrista con una zampata ben assestata “disarma” uno dei mutanti, facendogli cadere il cellulare a terra, e continuando tranquillamente a suonare “I’m so High”, presentata/biascicata poco prima dal marito Blaine; al termine del pezzo si giustifica “Don’t stick it in my face!” In risposta si alza una voce dal pubblico: “Open the dooooor ” urla con accento alcoolemico, qualunque cosa volesse dire.

Con questo gesto la rossa assurge a mia personale eroina della serata; intanto il pogo si è  ripreso, i pezzi si susseguono veloci,  l’acustica non lascia affatto a desiderare, merito forse del fatto che il fonico è parte dell’entourage della band; si giunge al pezzo che dà il nome al nuovo disco, “Up the dosage”, purtroppo uno dei pochi tratti da questo; finalmente sotto al palco l’odore che si avverte è quello dello spogliatoio dei Lakers a fine partita, siamo tutti belli sudati e scalpitanti. Mi allontano un attimo e dal bagno sento il riff iniziale di “Milk Cow Blues”, una delle numerose cover di cui la Figa di Nashville si fregia. Durante la lunghissima esecuzione, il cantante, ormai andato, presenta i membri della band, si rovescia in testa una lattina di birra e poi si accascia in terra; fulmineo come un ninja, il roadie di prima, che è stato tutto il tempo accovacciato dietro la pila di Marshall ad armeggiare con le chitarre, lo raccoglie al volo da sotto le ascelle, puntando l’indice verso l’alto per farlo alzare. Blaine annuisce, e si rialza con calma riprendendo la strofa come niente fosse; impassibili gli altri, che continuano l’interminabile blues che cede il passo a “Snake Eyes”, la chitarrista purtroppo è ancora tutta vestita, e inizio a temere che non ci regalerà mai uno strip semi-integrale come loro consuetudine, ma ci sbatte in faccia tette luccicanti di sudore e veementi headbanging, e ci accontentiamo.

Il concerto termina in un vortice di pezzi dai dischi precedenti,  tra cui brillano “Why why why” e “Go motherfucker go”, per concludersi con “You’re goin’down”, lancio di bacchette e plettri, as usual, e mescita di Fernet direttamente dalle braccine nerborute di Ruyter, malgrado in scaletta fosse prevista “Piece of Ass”, e si tratta per me della seconda delusione della serata, dopo il mancato spogliarello. Nel complesso, comunque, bomba! la band di Atlanta si conferma una delle più marce ancora -e speriamo per molto- in circolazione.

KEEP ON FUCKIN’, MOTHERFUCKERS!

nashville p roma

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

1 Commento

  1. C’è figa a Nashville? - La Cantina del Rock : La Cantina del Rock

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: