C’è puzza di Soho

Secret Affair – Soho Dreams (Area Pirata, 2012)

Trent’anni sono passati dall’ultimo album dei Secret Affair, signori del mod revival; una band che tra il 1978 e il 1982 ha calcato palchi e classifiche britanniche, sfornando più di un gioiellino. E trent’anni, non neghiamolo, sono un sacco di tempo per non approcciarsi a un nuovo disco con qualche timore.

Invece questo Soho Dreams è davvero notevole. Certo la parola chiave è “maturità”, nel senso che ormai sono lontani i tempi dell’esuberanza giovanile neo-mod, sostituita da una più adulta consapevolezza, un fardello di malinconia e un mestiere quasi chirurgico nella costruzione di buoni pezzi di British rock con una forte sensibilità (power) pop – ma anche country, jazz, soul e r&b. Tra Joe Jackson ed Elvis Costello, con un immaginario degno del Phil Lynott di Solo In Soho. Senza dimenticare le loro radici.

Francamente non sono d’accordo con chi ha scritto che Soho Dreams ricalca e ripropone lo spirito del loro debutto, ma chi sono io per pontificare, che di mod e mod revival non ne mastico in maniera particolare? Certo, però le orecchie le possiedo e loro mi suggeriscono che le cose sono cambiate. Non in peggio, ma sono cambiate. Anzi direi evolute, come succede alle persone con l’età.

Se amate le atmosfere londinesi e vi siete persi a passeggiare per Soho qualche volta, troverete in questo album (che l’ottima Area Pirata licenzia per l’Italia, ma è uscito in UK per I-Spy records) pane per i vostri denti. O meglio, pinte di lager per le vostre gole. Unico neo: qualche pezzo davvero troppo lungo, oltre i sei minuti…

Un bel disco di rock britannico per fingere di essere lassù anche quando ci troviamo inchiodati quaggiù, nella terra dei governi monti, delle fornero e delle veline.

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

2 commenti

  1. Andrea: mi hai tolto le parole di bocca… mi sa che ti copio paro paro la recensione e ci metto la mia firma…

    Rispondi
  2. vinylhunter

     /  novembre 7, 2012

    hihihihi… si chiama postmodernismo no? 😛

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: