Hey bambola rotta, cosa fai stasera?

Brokendolls – Two Fiftynine (Nicotine/Tornado Ride, 2011)

Hard punk coi testicoli bene arroventati è la definizione che immediatamente viene alla mente ascoltando le prime note del cd dei veronesi Brokendolls.
E l’intero album conferma al 100% l’impressione iniziale: questi ragazzi sono paladini di sonorità bastarde e ibride, che fanno copulare gli AC/DC coi Dead Boys, i primi Led Zeppelin coi Ramones, l’hard rock cafone con il punk più minimale e taurino. In qualche frazione mi hanno persino ricordato i mitici Gang Green del periodo Older Budweiser – magari dopo un paio di Valium rilassanti – quando azzeccavano la sfuriata hard rock punkizzata magistralmente.

Il risultato è – a scanso d’equivoci – semplicemente così come dovrebbe essere… nessuna invenzione o raffinata ricerca, questo è certo, ma almeno ciò che scaturisce da questo dischetto è una bella botta in fronte, di quelle che ti fanno fare air guitar in piedi davanti al lavandino. E buttala via…

La formula dei Brokendolls è – sulla carta – quanto di più semplice si potrebbe concepire. Eppure, là fuori, di gruppi che fanno questa roba annoiando al terzo accordo è pieno zeppo. Questo perché l’alchimia è difficile, nonostante gli ingredienti siano di larga reperibilità e accessibilità.

Quindi, bravi. Unici appunti: i pezzi sono lievemente monotoni e tendono a sembrare più lunghi di quanto non siano; e poi eliminare qualche trucco pirotecnico chitarristico da hair metal anni Ottanta farebbe sicuramente bene alla dinamica e aggiungerebbe immediatezza.

Articolo precedente
Lascia un commento

12 commenti

  1. ambrogio fogar

     /  aprile 6, 2011

    certe sonorità si reggono sulle chitarre e di trucchi pirotecnici hair metal non ne ho sentiti.
    dì che ti fan cagare gli assolini allora.
    album veramente onesto comunque.
    brafi.

    Rispondi
  2. Sì vabbè assolini… madonna, non diciamo cose non vere a tutti i costi per il gusto di difendere a priori da ogni appunto o critica la band – peraltro ottima e che di difese non ha bisogno. Le chitarre sono molto fighe e i due ci sanno fare, ma l’impostazione della solista è molto molto molto hard rock/metal. Se poi ti fa comodo chiamarli “assolini” amen (certo, sono assolini se li paragoniamo alle menate dei vari guitar heroes anni ottanta che facevano dischi interi di assolo perenne)… ma gli assolini sono un po’ un’altra cosa – magari più vicini a quello che fanno certe band pop punk, tanto per buttare un’ovvietà.
    Poi si può discutere sulla locuzione “trucco pirotecnico chitarristico da hair metal anni Ottanta” se si vuol essere pignoli, ma mi pare che sia abbastanza chiaro il senso.

    Rispondi
  3. ambrogio fogar

     /  aprile 8, 2011

    difendere chi? ahahahah mattarello che sei.
    mi ha solo fatto molto ridere l’appunto “trucco pirotecnico chitarristico da hair metal anni Ottanta” , cosa che nell’ album non ho minimamente sentito.
    assolini era una maniera birichina di dire assoli in genere.
    come hai detto anche tu , di band che fanno questo genere ce ne sono a bizzeffe ( molto poche quelle valide ) , e tutte queste band hanno “trucchi pirotecnici chitarristici da hair metal anni Ottanta” nei loro album. se poi tu non conosci il genere e parli per cognizione di causa allora posso capire e dall’ alto della mia intransigenza perdono la tua affermazione. 😉

    Rispondi
  4. E infatti la frase recita: “eliminare qualche trucco pirotecnico chitarristico da hair metal anni Ottanta farebbe sicuramente bene”… comunque va bene così. Grazie eh.

    Rispondi
  5. Berluscas

     /  aprile 8, 2011

    @ ambrogio fogar “se poi tu non conosci il genere e parli per cognizione di causa allora posso capire e dall’ alto della mia intransigenza perdono la tua affermazione”

    E vero andrea non conosce il genere del resto il musicologo sei tu,chissa quanti dischi hai.

    E meno male che ci sono dei pirla che mettono ancora i soldi per ste robe,tipo quelli della tornado e quelli della nicotine,che son proprio dei poveri sfigati samaritani.

    con polemica e pure velenosa
    Berluscas

    Rispondi
  6. ambrogio fogar

     /  aprile 9, 2011

    che c’entrano tornado e nicotine nel discorso testina?
    generalizzi? fuoriesci? distorci?
    tanto di cappella a chi fà uscire dischi.
    semplicemente si capisce che chi ha scritto la recensione non ascolta questo genere.

    ma perdono anche te và , paladino dei recensori.

    Rispondi
  7. Berluscas

     /  aprile 10, 2011

    Dunque abrogio
    tanto per cominciare di queste polemiche ne ho viste un mucchio troppi anni di vita nella palude del r’n’r nostrano, infatti tu non sai chi posso essere io del resto io non so chi sei tu (forse mi sto solo divertendo, chissa),comunque forse sarò il paladino dei recensori ma tu del resto,che fai?
    Dici “semplicemente si capisce che chi ha scritto la recensione non ascolta questo genere” bene io sarò quel che sarò ma tu perchè dici queste cose,un po di modestia farebbe bene,o Andrea e tuo fratello tuo figlio isomma devi conoscerlo bene per dire che non ascolta queste cose!? e sopratutto non parlare di cose che non conosci,e io non parlo mai a caso,ti faccio un esempio tu sei qui a scrivere perchè il ross (N.B.per andrea il ross e il cantante dei broken) a messo il post di questa recensione sulla sua pagina facebook che a sua volta la presa da quella della nicotine, dicendo nel post gurdate le ultime frasi della rece che ha sua volta le ha copiate dalla nicotine (e qualcuno a subito frainteso,classico da ignoranti) vedi forse internet e veramente molto democratico e reale perchè chi dice delle balle può essere smentito,vedi tu se vuoi continuare questa farsa, a me piace recitare,però attenzione perchè potresti incontrarmi nella vita reale, hey gurada che non è una minaccia, solo che le cose non sono mai come sembrano soprattuto in internet,insomma prima o poi il ross lo vedrò e gli chiederò chiarimenti al riguardo perchè queste polemeche non fanno bene all’immagine della band e sopratutto quei “pirla della tornado e della nicotine” potrebbero scazzarsi
    CHIARO IL CONCETTO

    con polemica e pure velenosa
    Berluscas el putanier

    p.s.se vuoi aiutare la band ricordati che le critiche si accetano anche negative questo vuol dire maturità sia umana che artistica,se non sei solo un ignorante

    Rispondi
  8. ambrogio fogar

     /  aprile 11, 2011

    io speriamo che me la cavo.

    Rispondi
  9. Berluscas

     /  aprile 11, 2011

    te propri un pirla,bei amici che ha il ross

    Rispondi
  10. ambrogio fogar

     /  aprile 11, 2011

    Rispondi
  11. berluscas

     /  aprile 12, 2011

    hai sempre ragione

    Rispondi
  12. ambrogio fogar

     /  aprile 13, 2011

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: