Yes we Kaams

The Kaams – She’s a Killer (Bedo Records, 2010)

E cacchio… ci voleva un dischetto così, davvero. Il verbo è quello santissimo del garage rock, interpretato in chiave Eighties revival e con una spiccata predilezione per il lato più R&B bianco da British Invasion (primi Stones, Yardbirds e compagnia bluesante). Il risultato è un ottimo quartetto di pezzi che idealmente si riallacciano al discorso dei Compulsive Gamblers – anche se in maniera meno filologica, dolente e oscura… del resto i Compulsive erano intoccabili, per cui è giusto che sia così.

Bravi – quindi – questi Kaams, che con semplicità e umiltà ci regalano una scheggia di rock’n’roll piacevolissimo. Apprezzabile anche la scelta dei suoni, con poco ricorso a distorsioni fasulle e un buon feeling low-fi; forse manca un po’ di calore in generale (soprattutto nella coloritura scelta per il sound della voce), ma per i dettagli c’è sempre tempo. L’importante è che la sostanza c’è ed è ottima e abbondante.

Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

1 Commento

  1. Uwaga fever « Black Milk (a fix of)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: