Pacco soffice, con sorpresa

spThe Soft Pack – The Soft Pack (Kemado)

Nella vita ci sono un sacco di cose belle e piacevoli che però non riescono lo stesso a diventare memorabili. E’ la triste storia dei Soft Pack e del loro omonimo album.

Sembrano la versione in musica di quella ragazza che non puoi dire che è brutta, ma che non ti viene mai in mente quando devi fare la lista delle cose e delle persone da portare con te su un’isola deserta.
Eppur è un album che si muove perché contiene diverse interpretazioni oneste del punk come ad esempio gli Husker Du (soprattutto nel pezzo iniziale “C’Mon”) o il Jay Reatard dell’ultimo periodo (da quando è morto lo vedo e lo sento ovunque, forse il problema sono io).

Ci sono poi brani tra Social Distortion e Dandy Warhols come “Answer to Yourself” e profumi di Clash in “Move Along”.
Infine, il repertorio si completa con qualche eco surf: i ragazzi si ricordano di essere californiani, dopotutto. Questa provenienza è ancor più evidente in “Mexico”, un pezzo da weekend di baldoria oltre confine (a sud) e con il pick-up carico di birra nel ghiaccio – da usare solo dopo la frontiera, però.

Tutto è suonato bene e senza sbavature, minimalista senz’altro e tutto quel poco che c’è è davvero ben curato: siamo anni luce dal lo-fi e dal vivo sono bravi, come potrete notare da questo video che li mostra in azione per il lancio dell’album: 10 concerti in un giorno… complimenti.

http://vimeo.com/moogaloop.swf?clip_id=9157820&server=vimeo.com&show_title=1&show_byline=1&show_portrait=0&color=&fullscreen=1The Soft Pack 10 Shows from Kemado Records on Vimeo.

Chiudo con una nota di colore: sino a poco tempo fa si chiamavano Muslims e hanno dovuto cambiare nome sia per schivare le bordate dei razzisti e sia per non cadere sotto i colpi del fuoco amico degli anti razzisti adoratori della political correctness.

Dategli un’occasione, non vi dispiaceranno, anche se probabilmente non li inviterete mai al ballo di fine anno.

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

2 commenti

  1. A me ricordano un incrocio tra Modern Lovers e Feelies ed è uno degli album che ascolto in continuazione in questo periodo. Freschissimi.

    Ps: finito Brian Jones. Excellent !

    Rispondi
  2. Il dottor Selaschetti ha scovato un bel dischetto da recensire sì…

    Onoratisssimo che ti sia piaciuto il libro 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: