Il tesoro (?) di Jeffrey Lee Pierce

GCLifeandtimes_fGun Club – The Life and Times of Jeffrey Lee Pierce (4cd box, Retro Deluxe/Vibrant)

Non è nuovissimo questo box da quattro cd dedicato interamente a Jeffrey Lee Pierce (sia come leader dei Gun Club, sia come artista solista); confesso anche che, quando l’anno scorso ne vidi la pubblicità da qualche parte online, mi incazzai anche un pochino e giurai che mai l’avrei voluto toccare… sembrava l’ennesima operazione vaselina per propinare minestra riscaldata ai fan e una fotografia non veritiera della band a chi fan non è.

Complice il prezzo più che ragionevole e un po’ di scazzo autunnale, invece, qualche giorno fa me lo sono proprio comprato. Del resto me lo sono trovato davanti al naso in un pomeriggio piovoso, lì abbandonato tra un cofano di Neil Young e uno dei Kiss… sentivo che mi chiamava. E via, ho pagato dazio alla cassa.
Appena uscito dalla Fnac sono stato colto dallo sconforto post-acquisto, temendo di avere fatto una gigantesca cazzata. Del resto ne ho uno scaffale pieno di vinili, cd, cassette, libri e dvd dei/sui Gun Club e di/su Pierce… cosa mai poteva esserci di così imprescindible qua dentro?

La risposta è: “nulla”. Ma sono contento dell’acquisto. Non sono impazzito: ora vi spiego.
Il fatto è che The Life and Times of Jeffrey Lee Pierce oggettivamente contiene un cd di riso e fagioli (ovvero di misto senza gran criterio) di brani da vari album e tre dischetti di pezzi live, ordinati cronologicamente – presi da molti concerti differenti.
Sul cd studio stendiamo un velo pietoso: è poco più di una compilation di quelle stile autogrill, da cinque euro al massimo.
I dischi live, invece, contengono anche qualche rara chicca – non molte se siete fanatici e avete fatto un po’ di tape trading o cd-r trading – e hanno il pregio di fornire brani che per anni hanno circolato su supporti di millesima generazione in una qualità finalmente accettabile (nei limiti del possibile).
Notevolissimo il cd del periodo 1980-1983, che parte con una band acerbissima e impacciata, fino a sbatterci in faccia una macchina da guerra punk-blues.

Carino anche il booklet interno, anche se piuttosto cheap come realizzazione (insomma: le foto prese da Internet e poi ingrandite fino a sgranarle sono veramente un’imperdonabile scivolone da principianti, se finiscono in un prodotto del genere, con aspirazioni – più o meno – di alto profilo…).
C’è anche un’introduzione di Chris Stein, interessante se non altro perché è uno che dei Gun Club non ha mai parlato molto, pur avendone prodotto un paio di lavori.

Quindi? Quindi se siete fan dei Gun Club e di Pierce, fatevi questo regalino: vi farà bene al cuore, anche se non farete nessuna scoperta. Se state iniziando o non conoscete la band, lasciate stare e compratevi – imperativamente – Fire of Love, Miami e Las Vegas Story (peraltro ri-ristampati, in edizione doppio cd con roba live a compendio); e da lì piano piano iniziate il vostro cammino.

Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

2 commenti

  1. corrado

     /  novembre 22, 2009

    Anch’io sono stato vicino a comprarlo ma guardando la selezione dei brani presenti qualche dubbio l’ho avuto pure io.
    Mi hai quasi convinto!!!

    Rispondi
  1. Tutti gli amici di Jeffrey Lee Pierce | Black Milk Magazine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: