Capitan Memphis e lo spettro?

spectrum.jpgSpectrum Meets Captain Memphis – Indian Giver (Birdman Records, 2008 )

“La strana coppia” potrebbe essere il sottotitolo di questa interessante e svitata collaborazione. Spectrum è lo pseudonimo dietro il quale manipola i controlli Sonic Boom, membro fondatore dei seminali Spacemen 3, mentre Captain Memphis è l’alter ego del produttore Jim Dickinson (Big Star, Mudhoney, Texas Tornados, Ry Cooder, Alvin Youngblood Heart, The Replacements, Toots and the Maytals tra gli altri).
Non ci è dato sapere come i due abbiano iniziato a frequentarsi, ma di fatto Sonic Boom ha preso il suo armamentario di elettronica analogica e si è trasferito agli Zebra Ranch Studios, proprietà del corpulento produttore americano, per dare il via a questo pazzo esperimento. E il risultato è tanto esotico quanto appetitoso.

L’elettronica calda di Spectrum trasforma i Suicide in gruppo rockabilly sotto la voce di Dickinson in “The Lonesome Death Of Johnny Ace” (una allucinante bio-song sulla vicenda del 50s rocker morto giocando alla roulette russa in un backstage nel giorno di Natale), mentre gli spettri gospel che hanno animato le piovose e lisergiche nottate di Rugby ai tempi degli Spacemen 3 tornano in “Take Your Time”. Altro episodio fuori è “Til Your Mainline Comes”, una specie di spoken word animato da un impianto jazz, in cui la voce di Dickinson (americana come una T-Bone steak) vagheggia ubriaca nella notte. Sonic risponde con una versione viscida e elettrica di “When Tomorrow Hits” dei Mudhoney, in cui le chitarre e i synth bagnano i loro cavi consumati in una pozzanghera di liquido allucinogeno.
La risposta di Captain Memphis è un roots blues con strane percussioni che si chiama “The Old Cow Died”, in cui il suo collaboratore inserisce echi ed ectoplasmici droni, e la prosecuzione del disco è tutta suddivisa tra le astuzie dei due, che si scambiano storie e suoni folli, restando però ben saldi nelle matrici più “trad” della musica che amano. Il blues, il gospel, il country e l’elettronica sono i “mezzi” per concretizzare una sovrapposizione di effetti che mette d’accordo fans di Spacemen 3, Neu!, Spectrum, Mudhoney, Staple Singers e Captain Beefheart.

La frittata di cervello è servita, signori.

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: