L’euforia dell’uomo morto

euphoria.jpgDead Man – Euphoria (Crusher, 2008)

Li avevamo lasciati nel 2006 con il loro debut album (omonimo): una vera stilettata al cuore, tanto era bello, sognante, ruvido e irrimediabilmente loser. Rieccoli, quindi, a circa due anni di distanza, con una nuova prova sulla lunga distanza, pronti a riconfermare e rafforzare ogni singola impressione positiva già data.

I Dead Man, svedesi doc (o quasi) spaccano. Perdonate il termine da supergiovane mancato, ma in effetti l’entusiasmo ogni tanto gioca brutti scherzi. Pensate a un mefistofelico e tentatore mix di primi Black Sabbath, Pink Floyd Barrett-era, i Jefferson Airplane più acidi e un tocco di garage psych in puro stile Nuggets.
I 50 minuti di Euphoria non perdonano, questo è poco ma sicuro… duri e puri stoner, malati di prog, freak del sound rock dei Seventies più baffuti e drogati, melomani a caccia di armonie tossiche: avete trovato uno dei vostri album dell’anno. Tutti gli altri si accomodino pure a ritirare il buono sconto per un bel cappelluccio da asino in cartapesta.

Grande band, grande album. E grazie alla Crusher Records, che in quanto a qualità ha decisamente un senso dell’olfatto molto sviluppato.

PS: l’album sarà in vendita dal 31 marzo. Fate voi…

Annunci
Lascia un commento

1 Commento

  1. Il ritorno dell’uomo morto :: Black Milk | Freak magazine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: