Antonio “Tony Face” Baciocchi – Uscito Vivo Dagli Anni ‘80 (NdA Press, 2007)

uscitovivobmp.jpgAcquistato dal sottoscritto con colpevole ritardo, questo libretto è – a priori – consigliato a tutti coloro che hanno minimamente a cuore la storia dell’underground italiano e che amano la prosa “vissuta”, quella che ha immediatamente i colori e il sapore del vero.
Tony, per i pochi (spero) che non lo sapessero ancora, è uno dei simboli dell’Italia musicale sotterranea degli ultimi 30 anni: batterista di Chelsea Hotel, Not Moving, Hermits, Lilith e Link Quartet, guru della Face Records, produttore, fanzinaro, organizzatore di concerti/festival/raduni, nonché iniziatore del movimento mod peninsulare. Detto questo, procediamo.
Io devo essere sincero: non so se – come in molte altre sedi è stato scritto – questo libro è “fondamentale per capire gli anni ’80”. Sarà che me li sono un po’ cuccati anche io e allora non ci trovo molto da capire, sarà che a me più che il lato Eighties, del volume, ha colpito l’epica rock (in accezione ampia) della saga di una band e di un fan appassionato che si consacra alla musica… sia come sia, per me il tratto veramente eccezionale del lavoro di Tony è proprio la storia palpitante di una passione totale. Che ti porta a provare in cantine malsane a cui si accede da botole, che ti fa guidare per migliaia di chilometri per rimborsi mai sufficienti, che ti fa accettare le condizioni più allucinanti pur di salire su un palco e sputare per mezz’ora tutto quello che hai dentro.
Tutto questo è raccontato tramite schizzi veloci (che raramente superano le tre-quattro pagine) e cronologicamente non ordinati. Una scelta coraggiosa e a modo suo vincente, perché il tutto acquisisce dinamica e imprevedibilità.
L’unica pecca è che, arrivati a pagina 121, se ne vorrebbe ancora. E un bel po’. Invece non resta che una bella galleria fotografica prima di doversi rassegnare alla fine del libro. Questo è frustrante… avrei voluto leggere ancora altre 120 pagine, almeno!
Per cui, Tony, aspettiamo il secondo volume e lì ci racconterai per filo e per segno di Johnny Thunders, di Nico, degli autografi di Ciriaco De Mita, delle registrazioni di Sinnermen a Tor Pignattara e di mille altre cose che per questa volta sono rimaste nell’empireo del rock’n’roll a decantare.

Articolo successivo
Lascia un commento

3 commenti

  1. ultrathanx !

    Rispondi
  2. LUCA BALOCCO

     /  ottobre 22, 2008

    Ho conosciuto Antonio, Tony Face, agli albori degli anni novanta negli studi Audiar di Piacenza, epoca in cui ancora molto, sebbene stessero per cambiare molte cose, si fiutava nell’aria profumo di ’80…il punk, la musica underground, i pub e i locali e tutto ciò che di buono, colorato e curioso (e sempre più costoso!!!) quegli anni ci stavano lasciando a noi più giovani. In quegli anni ebbi modo di frequentare Tony e Lilith nel fantastico locale Beethoven, da loro gestito, dove ci si incontrava per parlare di musica, suonare e vedere numerosi concerti…lo ritrovai alla batteria come compagno di serata insieme all’amico Luigi “BETTY BLUE” Milani e REAL BAD FEELING band, della quale all’epoca ne ero il bassista, nel 1995 in occasione di un concerto in onore del compleanno di un’ emittente TV PRIVATA a Ponte dell’Olio (PC).
    Che dire…una persona molto semplice, vera, dalla faccia solcata da una vita fatta di passioni e musica, ed ecco questo fantastico libro che parla della mia città creando uno spaccato quasi perfetto su ciò che seppur in maniera marginale ho vissuto anche io, (grande Lilith al LENZ PUB c’ero anche io!!!!) Toccante, sincero e onesto credo sia un reportage non solo della vita di una band ma della vita, quella vera, che si è vissuta in quegli anni in una città dove, ancora oggi, se vuoi stare a galla devi credere che qualche cosa succederà e prima o poi cambierà…dalle tematiche politiche ma non troppo e con tanto tanto rock n’ roll. Rileggendo alcune pagine, rivevdendo Danilo e Davide, mi è venuta un po di nostalgia nel pensare che qelli erano i tempi in cui ci si credeva, contestare non solo per il gusto di farlo o perchè tutti lo fanno ormai perchè fa tendenza, ma perchè le cose, dovevevano in quel grigiore di allora, cambiare. Bravo Tony hai reso “L’IDEA”! LUCA BALOCCO – PIACENZA

    Rispondi
  1. (Old?) Soul Rebel :: Black Milk | Freak magazine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: